margine inizio menu ricette rumene
home
antipasti
primi
secondi
contorni
dolci
bevande
contatti ricette
pagina facebook ricette rumene
margine fine menu ricette rumene
  • Pollo fritto dalla Transilvania

    Ricetta della settimana

    Pollo fritto dalla Transilvania

  • Comportamenti, regole e accessori

    La magia dei vini

    Comportamenti, regole e accessori

  • Trucchi, misurazioni e preparazioni

    Chiedi al cuoco

    Trucchi, misurazioni e preparazioni

  • Polpette di carne al pomodoro

    Ricetta creativa

    Polpette di carne al pomodoro

  • Polpette di carne al pomodoro

    Ricetta creativa

    Polpette di carne al pomodoro

  • Polpette di carne al pomodoro

    Ricetta creativa

    Polpette di carne al pomodoro


Username
Password
MEDICINA NATURALE

Consigli utili e rimedi naturali per il benessere


sabato 15 settembre 2012         Condividi su Facebook

Alcune avvertenze e controindicazioni sull’uso della fitoterapia

Alcune avvertenze e controindicazioni sull’uso della fitoterapiaSarebbe opportuno, prima di preparare un decotto, un infuso o quant’altro, controllare le controindicazioni connesse ad ogni pianta. L’aglio, per esempio, è controindicato per chi ha la pressione bassa, mentre chi soffre di gotta e litiasi dovrebbe evitare l’acetosella. L’altea non deve essere mai preparata in recipienti di ferro, l’arnica non deve essere usata da chi soffre di malattie renali e l’assenzio deve essere utilizzato solo per brevi periodi. La radice di asparago è da evitare quando si soffre di disturbi della vescica urinaria, mentre il biancospino e la borsa del pastore sono controindicati per chi è affetto da bassa pressione arteriosa.
Le donne in gravidanza non devono utilizzare la camomilla, il prezzemolo, il rosmarino, la ruta, la salvia né il ginepro o il finocchio. I sofferenti di stomaco e reni non devono usare il cardo santo, mentre la centaurea minore può irritare l’apparato digerente se impiegato in dosi eccessive. I soggetti affetti da gastroenteriti e malattie renali devono evitare il coriandolo, mentre chi soffre di stomaco e digestione difficile non dovrebbe utilizzare la cipolla. La dulcamara, l’edera , l’equiseto, la felce maschio, la genziana ed il genepi sono da utilizzare rispettando scrupolosamente le dosi ed evitando l’assunzione di alcol.
L’issopo è controindicato per chi soffre di malattie nervose, il lichene d’Islanda per chi soffre di ulcera ed il pino per chi soffre di malattie renali. Si deve evitare di bollire l’olmaria. Per la saponaria occorre rispettare le dosi e utilizzare immediatamente i preparati.
La sena è controindicata per le donne in gravidanza e allattamento, ma anche per gli affetti da emorroidi, enteriti, crampi intestinali. I soggetti a bassa pressione arteriosa non devono assumere preparati di valeriana, mentre il vischio va dosato con attenzione e mai utilizzato in decotti.

<<< indietro

 

Negozi alimentari romeni in Italia

immagine negozi romeni in italia
Cerca con molta semplicità il negozio con prodotti alimentari tradizionali rumeni più vicino a casa tua.
 pulsante cerca negozio

imagine segnala negozi rumeni
Segnala gratis il tuo negozio
di prodotti tradizionali rumeni nella nostra guida ai negozi per una maggiore visibilità.
pulsante segnala negozio

Ristoranti romeni in Italia

La nostra guida ai ristoranti romeni in Italia vi permetterà di conoscere il ristorante più vicino a casa vostra, le sua specialità e le recensioni dei clienti. Nella stessa area vi è permesso di registrare il vostro ristorante e di segnalare piatti e serate tematiche.
 
ristoranti rumeni

Dizionario

dizionario in cucina
 
Il dizionario realizzato dal portale ha lo scopo di semplificare la comprensione di alcuni termini della cucina romena in lingua italiana ma è anche un traduttore delle piante, spezie e ingredienti sia romeni che italiani e le loro proprietà.
 pulsante cerca nel dizionario